venerdì 29 giugno 2018

BASTA DITTATURA FISCALE


( Articolo pubblicato da Il Gazzettino di Venezia, pagina del Friuli, il 20 giugno, 2018 ). 

STUDIO LEGALE LONGO :

EMAIL :

"IL MARCHIO DI GIUDA" : UN ROMANZO GIALLO PROIBITO


“Avevo già letto "Il marchio di Giuda'...ora ho acquistato sempre da Mondadori store anche :Il delitto di Jeanne Morel" e " Il mistero del poligono" che non vedo l'ora di iniziare.

Eccezionale sul Marchio di Giuda la descrizione del ghetto come di un organismo in putrefazione...

Di nuovo complimenti per la sua" milizia editoriale".
Un Lettore


Ci fa molto piacere leggere apprezzamenti  come questo alle nostre fatiche editoriali.

Ricordiamo che chi volesse leggere “ Il marchio di Giuda”, romanzo poliziesco controcorrente e proibito, può acquistare il libro su svariate librerie presenti su Internet :

Edizioni della Lanterna


LULU.COM :


AMAZON :


MONDADORI STORE :



ABEBOOKS :



venerdì 15 giugno 2018

LA QUESTIONE EBRAICA NEGLI SCRITTI DELLA CIVILTA' CATTOLICA


Ristampati per la prima volta ed integralmente i saggi antigiudaici pubblicati sulla prestigiosa rivista di studi teologici e religiosi  Civiltà Cattolica dal 1896 al 1938.Una raccolta di studi messi all' indice dall' onnipervasiva censura ebraica e dalle sue continue minacce al mondo cattolico con l' accusa di antisemitismo. Una articolata serie di analisi e riflessioni fra la teologia e la storia che disamina i veri rapporti secolari fra giudaismo e mondo cristiano. La storia censurata delle plurisecolare continua aggressione giudaica nei confronti del cristianesimo e delle radici delle società cristiane. Gli scritti più odiati in assoluto dalla lobby ebraica.




Questa antologia rappresenta un vero evento editoriale : per la prima volta, infatti, vengono ripubblicati integralmente gli scritti antigiudaici pubblicati sulla prestigiosa rivista La Civiltà Cattolica dal  1896  in poi.

Questi scritti, mai ristampati dalla data delle loro finora unica pubblicazione, sono sempre evocati dalla onnipresente lobby ebraica per cercare di mettere in stato di accusa di “ antisemitismo” la Chiesa Cattolica per poterla ricattare e poterle  imporre  tutte le “ novità teologiche” di cui la stessa è spesso succube in questi ultimi anni.

Naturalmente, la lobby ebraica si guarda bene dal riportare i contenuti di questi articoli e studi, perché chiunque, leggendoli, si renderebbe conto che non hanno nulla di razzista, ma  sono semplicemente una analisi obiettiva del ruolo del mondo ebraico in questi  ultimi duemila anni di era cristiana. Il senso storico di questi secoli  viene letto  in questi saggi alla luce della verità evangelica .

Il tentativo di parte ebraica di ricattare il mondo cattolico con l’ accusa di antisemitismo per la pubblicazione lungo quasi un secolo di questi studi, cella nelle sue profondità più oscure, il tentativo di voler censurare il Vangelo e di rimuoverlo dalla storia.

Recente vicende giudiziarie hanno reso sempre più evidente questo malcelato proposito, come ho potuto sperimentare  personalmente già da quasi vent’ anni , nella mia veste di avvocato,  come nella vicenda giudiziaria del caso “ holy war against ZOG”, in cui venne incriminato un sito internet che pubblicava testi antigiudaici della tradizione cattolica[1] :


Ripubblicare quindi i tanti vituperati scritti antiebraica della Civiltà Cattolica è quindi un atto editoriale rilevante, per molte ed intuitive ragioni : un atto di coraggio ed anticonformismo, in nome di quella libertà di pensiero e di ricerca culturale che rappresenta la identità profonda della civiltà occidentale, di contro alla barbarie dei censori circoncisi del Pensiero Unico totalitario ; è un atto che contribuisce alla obiettiva ricerca storica, in quanto evidenzia fonti censurate della reale dinamica dei rapporti fra Giudaismo e Cristianesimo, ed è anche un contributo teologico per non cancellare riflessioni teologiche sgradite alla dittatura del pensiero unico.

Infatti, leggendo questo libro, colpiscono analisi teologiche vivissime e profonde, oggi del tutto cancellate dal comune sentire del mondo cattolico : si apprende che le fonti religiose del Giudaismo non sono più da duemila anni le pagine della Bibbia, ma le sue contraffazioni razzistiche e disumane del pensiero rabbinico giudaico, intriso di supremazionismo religioso e di odio verso ogni identità umana o religiosa non giudaica.

Si apprende come la fede in Dio del giudaismo non sia più di fatto e teologicamente rivolta al Dio della Bibbia, ma a una divinità che non appare essere la stessa. Si apprende come il Giudaismo talmudico ( e non più biblico ) sia la diretta discendenza del fariseismo, la corrente supremazionista e proto sionista che  fu la prima persecutrice di Cristo, che distingueva fra ebrei ( esseri umani di razza superiore) e non ebrei, considerati gojim , cioè " animali". Non per nulla di costoro Cristo disse nel Vangelo che " anno per padre diavolo e ambiscono a fare la volontà del padre loro". 

Interessantissime e degne di nota le “ intersezioni “ fra analisi storica e teologica, come il punto in cui si evidenzia come il progressivo allontanamento degli Ebrei dalla fede nel Dio della Bibbia per andare ad abbracciare  l’ idea di divinità che emerge dal talmudismo rabbinico, ha portato la discredito progressivo e profondo degli Ebrei presso i popoli che nei secoli li hanno ospitati : l’ originario rispetto e stima  si venne mutando in disprezzo e ostilità . L’ allontanamento  da Dio come origine di ogni male patito, per aver abbracciato dottrine false e sovente inumane, come il rabbinismo talmudico. Una lettura dell’ antisemitismo che oggi viene inibita delle centrali ebraiche del Pensiero Unico, che hanno infatti ferocemente demonizzato i testi che qui vengono riproposti al lettore.

La causa di questo sordo ostracismo è presto evidente : essa avrebbe imposto al mondo ebraico una profonda autocritica storica, che non vuole affrontare, perché ciò comporterebbe la caduta dal trono del supremazionismo ebraico su cui si è issato nei secoli e che è contraria alla volontà di Dio.

Dal punto di vista storico si apprende una costante che oggi viene cancellata e “ capovolta” e cioè che furono i Giudei a perseguitare violentemente ed anche in modo omicida i Cristiani e non viceversa .

Si apprende come l’ odio anticristiano dei Giudei, già presente nelle pagine del Nuovo Testamento , avesse una radicalità tale da non poter certo essere ispirato da Dio , tant’è che nel perseguitare i Cristiani i Giudei nei secoli si associarono anche a religioni politeiste ( cosa che avrebbe fatto inorridire gli antichi padri, come Mosè, che distrussero il Vitello d’ Oro e gli idoli di Baal, come fece Elia  ) , fino a suscitare e governare la Setta per eccellenza : la Massoneria.

Si apprende come i Cristiani  sempre concessero libertà di culto e di auto organizzazione ai Giudei e sempre cercarono di frenare le violenze che gli Ebrei suscitavano verso se stessi per il loro atteggiamento da “ razza eletta” e per il loro disprezzo verso i non ebrei.

Si apprende una Storia diversa da quella che vi viene inculcata e si apprende una teologia il cui afflato profondo viene oggi cancellato.

Si apprendono molte cose da queste lettore e il solo fatto di renderle di nuovo disponibile per i Lettori di oggi e in sé , riteniamo, un atto culturalmente meritorio, anche se non ci nascondiamo che, come Prometeo che rubò il fuoco agli dei ( oggi gli ebrei si ritengono non molto inferiori a divinità..) , anche noi ricercatori contro corrente possiamo attenderci dei rischi e delle vendette…

Alcune considerazioni finali, di carattere editoriale e bibliografico .

Il libro  diviso in tre sezioni, unite ciascuna da un comune filo conduttore di ricerca.

Un certo impegno lo ha richiesto un lavoro di adattamento semantico – grammaticale dei testi più lontani nel tempo : infatti, è stato necessario adattare lievemente sia il lessico che la impostazione grammaticale di diversi passaggi che risentivano troppo di arcaismi e  di costruzioni lessicali desueti.

Il lavoro di adattamento è stato contenuto nel minimo indispensabile e nessuna modificazione è stata effettuata a livello concettuale : il testo può quindi definirsi integrale.  

Molti riferimento bibliografici presenti nel testo originario sono stati  mutati in note bibliografiche in calce al testo, proprio per rendere più scorrevole la lettura.

L’ apparato bibliografico finale è impressionante : quasi cento riferimenti bibliografici, spesso a testi oggi introvabili, il che rende questa edizione un  forte contributo culturale e di studio con accesso a fonti altrimenti sconosciute.

Nel chiudere queste note, un appunto finale iconografico : ho scelto per la copertina una immagine tratta dal film La Passione di Mel Gibson : rappresenta Caifa e il Sinedrio ebraico nell’ atto di chiedere la crocefissione di Cristo al grido “Crocifiggilo ! Il sangue di questo giusto ricada su di noi e sulla nostra discendenza”.

L’ intiero tempo del Giudaismo, da allora, è rimasto fermo su questa immagine e rende l’ idea di cosa sia in realtà il Giudaismo oggi : lo stesso di quell’ atroce Venerdì Santo.

Per l’ immagine della IV di copertina ho scelto l’ immagine di una vetrata gotica della piccola Chiesa di Pontafel, il paese  sul confine dell’ Austria da cui è originaria la mia famiglia.

E’ una immagine allegorica e poetica di come fosse la teologia della tradizione cattolica, in cui le linee della Verità si stagliano nette anche nel buio  delle tenebre  che non può mai prevalere.

E queste linee di luce e di verità ho cercato di riportare  alla vostra visione e lettura.

“ La luce venne nel mondo, ma le tenebre non la accolsero” – dice il Vangelo. Ma dice anche : “ le tenebre non prevarranno”. Ne abbiamo fede.

Pordenone, 15 giugno, 2018, Solennità del Sacro  Cuore di Gesù.


L’ Editore







LINK UFFICIALE DEL LIBRO :





[1] Fu in quella circostanza che mi interessai per la prima volta a questi temi religioso – culturali .