lunedì 10 luglio 2017

SIAMO IN GUERRA




Dobbiamo entrare nell'ottica che siamo in guerra.

Anzi, stiamo subendo una guerra.

Il nostro Paese è impossibilitato a produrre: hanno imbrigliato le nostre aziende (pubbliche e private) con il cappio fiscale, hanno distrutto la domanda interna, hanno incentivato l'emigrazione di italiani da una parte e l'immigrazione dall'Africa dall'altra, mentre le grandi multinazionali acquistano i cadaveri delle aziende, pubbliche e private. Il futuro - molto prossimo - che abbiamo davanti è quello di un'Italia completamente sfaldata e sfruttata dalle big corporations che per il loro business avranno a disposizione manodopera a basso costo, d'importazione africana.

Questo è esattamente quello che sta accadendo.

La storia ci ha insegnato che l'Italia è stata sempre sfruttata e dominata dallo "straniero" grazie a dei traditori. I traditori di oggi si trovano in Parlamento, ed eseguono pedissequamente gli ordini imposti da chi ci sta uccidendo. Dobbiamo solo maturare l'idea, chiara e netta, che tutto quello che accade ha una regia ben precisa, perché siamo in guerra. Se non realizziamo questa realtà difficilmente ci salveremo.

A Gennaio aumenterà l'IVA al 25%, i prezzi dei beni aumenteranno e sarà un'ecatombe: prezzi alla stelle, picchi di nuova disoccupazione, suicidi per povertà e disperazione, spesa pubblica alle stelle perché così lo stato si garantisce la “ fidelizzazione” di milioni di impiegati parassiti e fannulloni con le loro famiglie  , evitando di collassare  e subire la ribellione di massa : è il peso di milioni di parassiti del pubblico impiego con le loro famiglie  che  costituiscono  la base  del sistema pidiota di governo. A pagare il costo salato è l’ altra metà degli Italiani….

Questa è la vera lotta di classe italiana : pubblico impiego contro lavoratori autonomi in caduta verticale di redditi. La  classe media divorata da Equitalia contro  i boiardi di stato con tredicesima, quattordicesima, quindicesima incorporate.

 Pensioni d’ oro contro pensionati al limite della “ minima”  e alla fame. Impiegati parassitari e legati al carrozzone delle “ raccomandazioni “ PD contro disoccupati e torchiati dallo Stato.

Metà italiani che lavorano per mantenere l’ altra metà parassitaria e corrotta che pesa sulle loro spalle e sul loro futuro.



E magari a gennaio  un milione di negri e arabi mussulmani saranno diventati per decreto “ italiani” grazie alla legge di Soros che i pidioti stanno votando in parlamento in questi giorni, per garantirsi un elettorato di ricambio e sfruttare la miniera d’ oro dell’ accoglienza a carico della metà degli Italiani torchiati, umiliati e tartassati, accusati di evadere il fisco se lo fanno per mettere assieme il LORO pranzo e cena, dopo aver assicurato con una imposizione fiscale da rapina, quello  abbondante di diecine di migliaia di parassiti raccomandati del “ pubblico impiego” e quello di  altrettanti parassiti negri, importati a nostre spese dall’ Africa per fare i fancazzisti in Italia e fungere da elettorato pidiota di riserva…..

Mi raccomando, Stato, Parastato, Paraculi  e Pidioti vari : fate un bel ruttino dopo aver ingurgitato il frutto del nostro sudato lavoro !|

E per finire : Grasse cooperative rosse e vaticane contro italiani disoccupati e  sulla soglia della povertà.

E se le contesti, saresti pure destinato all' inferno in quanto " poco accogliente".... Siamo proprio messi bene, di fronte a questa bella ammucchiata curial globalista che sta banchettando su ciò che resta dell' Italia e del popolo italiano.. proprio un bel futuro per i nostri figli che agli occhi di costoro hanno la colpa di essere bianchi, italiani, cristiani  e discendenti di " colonialisti sfruttatori ".....secondo il rinvigorito  pensiero neosandinista  ispirato  ai tempi di Pancho Villa .....

Le uniche " colonie" che io ho avuto sono quelle dei parassiti sfruttatori di Stato che si ingrassano alle mie spalle...Un affarone...

Svegliamoci : direi che è proprio ora…. Se non ora, quando ?


Observer


SOSTENETE QUESTO BLOG INDIPENDENTE ACQUISTANDO I LIBRI DELLA LANTERNA, LA CASA EDITRICE PIU’ CONTROCORRENTE OGGI IN ITALIA :