mercoledì 28 dicembre 2016

IL VERO VOLTO DELL' ISLAM

Un nuovo libro di Anonimo Pontino che  tratteggia il volto criminale e falsificatore dell’ islam, pseudo religione che viene dichiarata ipocritamente “ religione di pace”, mentre in realtà altro non è che un culto di tagliatori di teste imperniato sui sacrifici umani degli “ infedeli”.

Una disamina documentata e priva di mielose menzogne politicamente corrette. Il libro spiega come stiamo portandoci in casa coloro i quali hanno volontà e forza sufficiente per distruggere la nostra società e da lì dominare il mondo, con oltre un miliardo di fedeli di un idolo assatanato di sangue.

 Il libro si completa con la disamina della vita eroica ed esemplare di martiri come Antonio Bragadin della Repubblica di Venezia, e ci informa della corretta interpretazione  del culto maomettano esposta da San Tommaso d’ Acquino e da Don Bosco e dal concetto di Guerriero di Cristo di Santa Teresa del Bambino Gesù.

Un libro assolutamente controcorrente, per difenderci dalla invasione ideologica mussulmana e da far leggere alle nuove generazioni, drogate dalla rassegnazione del “ politicamente corretto”. Prima che sia troppo tardi.


LINK UFFICIALE DEL LIBRO :


sabato 24 dicembre 2016

AUGURI DI BUON NATALE

I migliori auguri di Buon Natale e felice anno nuovo a tutti i lettori di questo blog e a coloro i quali sostengono le edizioni della Lanterna, nonchè a tutti i miei amici personali cui non riesco a porgere gli auguri singolarmente.

Edoardo Longo

venerdì 23 dicembre 2016

CANTO DI NATALE 2016


La magistratura italiana come Superciuk : ruba ai poveri per dare ai ricchi, cioè per dare a se stessa – Lo scandalo delle parcelle non liquidate in dieci anni agli avvocati dei non abbienti – uno dei tanti scandali e corruzioni che si svolgono dietro le ovattate sale dei “ palazzi di giustizia”…



Egr. Sig
.
PRESIDENTE DEL TRIBUNALE
Di ………….

                      
I
ll.mo Sig. Presidente del tribunale,

Mi trovo costretto a rivolgermi ad Ella per il riconoscimento di un mio diritto a lungo negletto e ancora non riconosciuto.

Come vede, in allegato le trasmetto una notula per la liquidazione di mie spese e competenze in un procedimento penale svoltosi avanti a questo tribunale e nel quale un mio assistito venne ammesso al beneficio del gratuito patrocinio.

Tutti i dati di detto procedimento sono indicati nella notula allegata, come pure il nominativo del giudice che avrebbe dovuto, nei termini di tempo contenuti previsti dalla legge, provvedere a tale liquidazione.

Questo non è mai avvenuto, nonostante il lungo tempo trascorso [1] e nonostante miei ripetuti, cortesi solleciti, ai quali non è stato dato mai alcun riscontro.

A questo punto, sono stato costretto a rivolgermi a Ella, presidente del tribunale, certo che il potere di moral suasion insito nella Sua carica, possa smuovere il giudice tenuto ad un tanto ad adempiere al suo dovere di liquidazione, una buona volta.

E’ inutile sottolinearle come non mi posso permettere di “ buttare” i pur magri guadagni che mi derivano dal lavoro svolto come “ avvocato dei poveri” : i tempi sono grami per tutti quelli che devono guadagnarsi da vivere senza contare su uno stipendio, magari lauto come quello giudiziario,  e un “ avvocato dei poveri” è difficile pensare che sia ricco, non crede ?

Per questo insisto nel richiedere la liquidazione delle mie competenze legali.

Negare ai lavoratori la mercede, mi insegnavano al Catechismo quando ero bimbo, è un “ peccato che grida vendetta al cospetto di Dio” e non trovo né giusto, né morale  negare la retribuzione, anche modesta e infinitesimale, a chi ha lavorato.



Tanto più che, nel caso di specie il “ datore di lavoro/liquidatore” ha l’ ampio potere discrezionale di liquidare quello che gli pare : un potere che se concesso ai proprietari delle fabbriche farebbe insorgere gli operai, mentre invece, non so perché, noi avvocati stiamo a capo chino ad aspettare l’ obolo del padrone…..

So benissimo che una volta liquidato il mio credito, dovrò attendere una miriade di anni per vedermelo, con grazia sovrana, concretamente erogare , magari quando sarà stato abbondantemente eroso dal tempo, visto che non vengono concessi neanche gli interessi su questi crediti…..

Pazienza, aspetterò, magari compenserò questi crediti con le tasse da pagare, che questo stato generoso non manca di imporre con rigorosa determinazione ai propri sudditi

Ma intanto chiedo mi sia liquidato il mio credito . Ho atteso il mio tempo, direi.

Confido nel suo intervento e , visto che siamo nei giorni di Natale mi permetto di porgerLe gli auguri di Buone Feste, confidando che Ella voglia mettere la parola “ fine “ a questa penosa vicenda che, dato il contesto natalizio, mi ricorda certe amare novelle di Dickens.

Distinti saluti.

Allegata istanza di liquidazione compensi non evasa.

Avv. Edoardo Longo



APPUNTO DELLA LANTERNA  :

PER SAPERNE DI PIU’, LEGGI “ IL GABINETTO DI VOSTRO ONORE” , LIBRO AL VETRIOLO  DELL’ AVVOCATO EDOARDO LONGO :










[1] Basta consultare la data della istanza. 

martedì 6 dicembre 2016

EUROPA SENZA EUROPEI ?

https://www.amazon.it/EUROPA-SENZA-EUROPEI-Guglielmo-Danzi/dp/1326776177/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1478797704&sr=1-1&keywords=guglielmo+danzi

EUROPA SENZA EUROPEI ?



Nella prefazione della seconda edizione di quest' opera , nel 1936, Benito Mussolini, la dichiarava " un' opera che ogni fascista deve leggere perchè affronta il problema più urgente del nostro tempo".

80 anni dopo, l' urgenza di quest' opera è ancora più scottante.

Ma di cosa parla ? L' " Europa senza gli europei" è l' Europa caduta nel baratro della denatalità, destinata a scomparire e i popoli europei destinati alla estinzione.

All' epoca già ci poneva il problema della scomparsa della razza bianca, oggi questo problema è realtà, perchè il piano di sostituzione etnica dei popoli europei è in avanzatissima fase, a causa della alluvione di finti profughi negri e orientali  sulle coste italiane.

 Il libro, che già prefigura questo rischio, è completato in appendice da un significativo e attualissimo saggio di Observer sul piano Kalergj e sulla programmata distruzione della identità europea. 

Un libro scottante, dedicato alla " fine di una razza" e che già 80 anni fa prevedeva quello che accade oggi.

Profetico.

LINK UFFICIALE DEL LIBRO :





giovedì 1 dicembre 2016

IL POTERE FINANZIARIO E LE DINAMICHE DELLA SPECULAZIONE



Anonimo Pontino, “ Il potere finanziario fra falsi miti e verità” – Edizioni della Lanterna, 2015, pagine 105, euro 16.


È un’opera di facile comprensione sia per chi si interessa di politica e finanza, sia per il lettore non specialista.
Il libro svela  i segreti e i meccanismi di questo sistema di potere,  affrontando i “falsi miti” comunemente accettati e propagandati dai vari mezzi di informazione.

Il disastro socio-economico nasce dalla natura della moneta che usiamo tutti i giorni: la moneta-debito che crea più debito di quanto ne possa estinguere.

Il sistema bancario crea la moneta a costo zero e senza copertura, e la presta a Stati e a privati contro interesse oltre all’obbligo di rimborso.

Quindi si appropria, a spese della società, di questo valore, senza creare valore in cambio.

Ma non contabilizza questo ricavo, detto “signoraggio”. Questa  operazione  di  estrazione  di  ricchezza  dalla  società produttiva in cambio di finti prestiti  di  denaro  putativo  inesistente  creato  illusoriamente  e  a  costo  nullo,  è  l’essenza  del signoraggio creditizio.

La truffa è commessa anche verso se stessi ed è molteplice: prima la comunità si considera alla stregua di un qualsiasi soggetto privato assolutamente bisognoso di fondi altrui per sopravvivere, poi la comunità rinuncia inconsapevolmente a essere proprietaria del valore della moneta all'atto dell'emissione e cede tale proprietà al sistema bancario; poi si fa prestare in vari modi dal sistema bancario la stessa moneta, vincolandosi a rimborsare il debito alla scadenza; poi paga gli interessi sul debito.

Nel  già  complesso  sistema  che  lega  fra  loro i tre momenti essenziali  dell’economia - produzione, trasferimento e consumo dei beni – il danaro  interviene  a  tutti  e  tre  i  livelli. Ma se il danaro oggi abbonda, e  costa poco, mentre domani scarseggia e  costa  molto, l’esatto ‘perché’  sfugge  non  solo  al  grosso  pubblico,  ma spesso alla stessa parte più responsabile e consapevole della classe politica.

Da qui il buco nero che sta divorando le economie che usano moneta-debito.

La quantità di denaro da mettere in circolazione viene decisa dalle banche, pertanto le crisi  economiche sono fondamentalmente crisi di  liquidità  create ad hoc dai dal potere finanziario, che ha nelle sue mani anche il potere speculativo della Borsa.

E'  grazie  al  caos  congegnato  che  ci  infervoriamo per i giochi dell’economia o della politica, e non ci accorgiamo che è  il potere   a  decidere come e quanto essere "civili", chi deve vivere sull’orlo del baratro e morire di stenti; chi sguazzare nell’oro.  La  mancanza  di  ampie  difformità produrrebbe una  situazione  facilmente  leggibile, mentre  le  altalene  tra  positivo  e  negativo,  ricchezza  e  povertà,  potere e debolezza, possono meglio confondere e non farci scorgere il concatenamento.

Questo sistema non detiene il potere da ieri: spadroneggia da sempre, perché astutissimo, perché ha fatto della  doppiezza, dell'ipocrisia, della simulazione e della falsità, le sue più acuminate e primarie armi. Seneca  diceva:  “Non  crediate  di  diventare  felici  procurando l’infelicità altrui”.

Chi è felice e prova sentimenti di amore, vuole rendere gli altri  partecipi del proprio bene. Chi mai di quelli che scaldano le poltrone in pelle agisce con simili propositi e li mette in pratica?

Un libro da leggere assolutamente.

Edizioni della Lanterna

Link ufficiale del libro :